In diretta

Giardini Naxos. Tares, ulteriore dilazione della terza rata

Giardini Naxos. Tares, ulteriore dilazione della terza rata

GIARDINI NAXOS – Un’ulteriore dilazione verrà applicata  a Giardini Naxos sulla terza rata della Tares. Il consiglio comunale ha ratificato la proposta di delibera, predisposta dall’Ufficio tributi, in base alla quale sarà possibile applicare la rateizzazione della terza tranche della tassa sui rifiuti e servizi in scadenza il 30 aprile. I contribuenti potranno usufruire di una dilazione variabile dai 2 ai 5 mesi, in proporzione all’entità della cifra da pagare. Pertanto, un importo pari a 300 euro si potrà versare in due rate mensili con scadenza al 30 aprile e al 31 maggio; da 301 a mille euro in 3 rate con scadenza a fine aprile, maggio e giugno; da mille a 10mila euro in 4 rate con scadenza ad aprile, maggio, giugno e luglio; per gli importi superiori a 10 mila euro sono state previste 5 rate da saldare mensilmente entro il 31 agosto. A beneficiare del provvedimento potranno essere tutti i contribuenti  e i soggetti...

Roccaluemra. I carabinieri salvano la vita ad un 70enne. E' stato trovato svenuto sul pavimento della propria abitazione

Roccaluemra. I carabinieri salvano la vita ad un 70enne. E' stato trovato svenuto sul pavimento della propria abitazione

Gli uomini dell'Arma hanno forzato una finestra per soccorrerlo

ROCCALUMERA - Riverso sul pavimento, privo di sensi e in procinto di soffocamento. Questa l’immagine che si è presentata agli occhi dei carabinieri di Roccalumera che nel giorno di pasquetta hanno salvato la vita ad un 70enne. Sul posto è intervenuto il maresciallo, luogotenente Santo arcidiacono che accompagnato da un altro militare dell’Arma ha prontamente prestato soccorso all’anziano roccalumerese. Erano le 10 del mattino quando in caserma è giunta la telefonata di un amico del 70enne, preoccupato dal lungo silenzio dell’uomo che dal giorno precedente non si era più visto in paese e non rispondeva al telefono. L’amico si era perfino recato a casa dell’anziano, in via Piccolo torrente Pagliara, preoccupato dalle sue particolari condizioni di salute. Dopo aver suonato ripetute volte al citofono dell’abitazione, dove il 70enne viveva solo, non aver ottenuto nessuna risposta, l’uomo ha deciso di rivolgersi ai...

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina

NIZZA DI SICILIA - E' passato alla storia per aver modellato negli anni '30 la statua della Madonna della Lettera del porto di Messina e quella di Cristo Re, sulla scalinata d’ingresso del sacrario militare messinese. Sono indubbiamente tra le opere più note a Messina ma dell'artista rimangono altre importanti e innumerovoli testimonianze scultoree, pittoriche e affreschi, anche nei paesi della provincia messinese e all'estero, in Argentina. Un vero patrimonio, insomma. Ma questo artista, come spesso accade per altri, rimane nell'ombra. Salvatore Edmondo Calabrò, conosciuto anche con il nome d'arte ''Tore'', ma anche di ''Turiddu'' per i suoi coetanei nizzardi di quel tempo. Terzo di sei figli nati dal matrimonio di Antonino Calabrò con Anna Barbera, era nato a Nizza di Sicilia il 26 maggio 1891 e morì a Messina all'età di 73 anni, il 25 agosto 1964. Tra pochi mesi il 50. anniversario della sua scomparsa. A Nizza, assieme al fratello Oreste,...

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina

NIZZA DI SICILIA - E' passato alla storia per aver modellato negli anni '30 la statua della Madonna della Lettera del porto di Messina e quella di Cristo Re, sulla scalinata d’ingresso del sacrario militare messinese. Sono indubbiamente tra le opere più note a Messina ma dell'artista rimangono altre importanti e innumerovoli testimonianze scultoree, pittoriche e affreschi, anche nei paesi della provincia messinese e all'estero, in Argentina. Un vero patrimonio, insomma. Ma questo artista, come spesso accade per altri, rimane nell'ombra. Salvatore Edmondo Calabrò, conosciuto anche con il nome d'arte ''Tore'', ma anche di ''Turiddu'' per i suoi coetanei nizzardi di quel tempo. Terzo di sei figli nati dal matrimonio di Antonino Calabrò con Anna Barbera, era nato a Nizza di Sicilia il 26 maggio 1891 e morì a Messina all'età di 73 anni, il 25 agosto 1964. Tra pochi mesi il 50. anniversario della sua scomparsa. A Nizza, assieme al fratello Oreste,...

Santa Teresa. Luca Bianchini incontra gli studenti del liceo scientifico

Santa Teresa. Luca Bianchini incontra gli studenti del liceo scientifico

SANTA TERESA- È stato il mattatore della giornata Luca Bianchini, che con la sua simpatia e la sua grinta è riuscito a conquistare gli studenti del liceo scientifico di S. Teresa di Riva. L’incontro si è svolto nell’ambito del progetto “Invito alla lettura” organizzato dalle professoresse Maria Grazia Santoro, Annamaria Calabrò e Nuccia Sciarrone. Iniziative queste che assume un grande valore  in un tempo in cui i giovani tendono ad allontanarsi dalla lettura per rifugiarsi dietro i social network. Al centro del dibattito l’ultima fatica letteraria di Bianchini, “io che amo solo te”. Un romanzo che celebra l’amore in tutte le sue forme etero, gay, adulto, adolescenziale. Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi...

23/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Tra Roccalumera e S. Teresa di Riva, otto extracomunitari bloccati sull'autostrada dalla Polizia stradale

Forse sono fuggiti dal centro raccolta di Messina

Tra Roccalumera e S. Teresa di Riva, otto extracomunitari bloccati sull'autostrada dalla Polizia stradale

ROCCALUMERA - La Polizia stradale ha bloccato questa mattina otto extracomunitari sull'autostrada Messina-Catania, tra Roccalumera e S. Teresa di Riva. Il gruppetto è stato notato mentre camminava sulla corsia di emegenza in direzione Catania. Non si esclude che possano essere fuggiti dal centro raccolta di Messina, dove era stati trasferiti nei giorni scorsi dopo uno degli sbarchi registrati in questi giorni a Pozzallo....

22/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Alì Terme. Indagini concluse sull' assegnazione dei 20 alloggi di economia popolare

I carabinieri adesso trasmetteranno il fascicolo alla Procura della Repubblica

Alì Terme. Indagini concluse sull' assegnazione dei 20 alloggi di economia popolare

ALI' TERME - Sono in fase conclusiva le indagini dei carabinieri sulla graduatoria di assegnazione dei 20 alloggi di economia popolare realizzati ad Alì Terme nella zona alta del quartiere Mastroguglielmo. Le richieste presentate furono 61. I militari dell'Arma hanno già da tempo acquisito l'intera documentazione al Comune di Alì Terme tra cui ci sono i verbali di accertamento dei vigili urbani e le autocertificazioni dei 61 richiedenti. Le indagini sono scattate nel momento in cui alcuni degli esclusi avevano presentato denunce sostenendo di essere stati danneggiati in quanto - secondo i loro - c'erano stati nuclei familiari che aveva dichiarato il falso pur di piazzarsi in posizione utile in graduatoria per ottenere l'alloggio. A delegare delle indagini i militari dell'Arma di Alì Terme, che hanno agito al comando del luogotenente Salvatore Garufi, la Procura della Repubblica. A quanto è dato sapere i carabinieri hanno già pronto un dossier...

22/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina

Nizza Sicilia. L'artista dimenticato, il 50. anniversario della morte di Salvatore ''Tore'' Edmondo Calabrò che modellò la Madonnina del Porto di Messina
NIZZA DI SICILIA - E' passato alla storia per aver modellato negli anni '30 la statua della Madonna della Lettera del porto di Messina e quella di Cristo Re, sulla scalinata d’ingresso del sacrario militare messinese. Sono indubbiamente tra le opere più note a Messina ma dell'artista rimangono altre importanti e innumerovoli testimonianze scultoree, pittoriche e affreschi, anche nei paesi della provincia messinese e all'estero, in Argentina. Un vero patrimonio, insomma. Ma questo artista, come spesso accade per altri, rimane nell'ombra. Salvatore Edmondo Calabrò, conosciuto anche con il nome d'arte ''Tore'', ma anche di ''Turiddu'' per i suoi coetanei nizzardi di quel tempo. Terzo di sei figli nati dal matrimonio di Antonino Calabrò con Anna Barbera, era nato a Nizza di Sicilia il 26 maggio 1891 e morì a Messina all'età di 73 anni, il 25 agosto 1964. Tra pochi mesi il 50. anniversario della sua scomparsa. A Nizza, assieme al fratello Oreste,...

22/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Alì Terme. Il ''mistero'' della Rete civica, la minoranza consiliare pronta ad inviare gli atti alla Corte dei conti

Il servizio doveva essere attivato su Internet 7 anni fa

Alì Terme. Il ''mistero'' della Rete civica, la minoranza consiliare pronta ad inviare gli atti alla Corte dei conti
ALI' TERME - ''Siamo pronti a trasmettere alla Procura della Corte dei conti di Palermo gli atti relativi alla Rete civica''. Lo ha detto il capogruppo d'opposizione consiliare ''Costruiamo futuro'', ing. Nino Melato. La minoranza, dunque, intende andare fino in fondo sulla questione-Rete, il cui costo iniziale del progetto prevedeva una spesa di quasi 600 mila euro. Il solo costo per lo sviluppo software e acquisto licenze è di ben 316 mila 800 euro, che però rimane inutilizzato. ''La Rete doveva essere fruibile sette anni fa - dice Melato - ma, nonostante sia stata sottoposta a collaudo tecnico, di essa non c'è stata mai traccia su Internet. Questa l'incontestabile verità storica - aggiunge il massimo rappresentante della minoranza -. Intanto, stiamo visionando tutta la documentazione riguardante la Rete civica e, se le ''carte'' non ci dovessero soddisfare, ci rivolgeremo alla Corte dei Conti, sede appropriata affinché venga stabilito se si...

21/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Fiumedinisi. Trovata in Russia la piastrina del soldato Nino Cassisi morto nel 1941 in un campo di concentramento

Aveva 26 anni quando venne preso prigioniero. Era nato nel centro collinare nel 1915

Fiumedinisi. Trovata in Russia la piastrina del soldato Nino Cassisi morto nel 1941 in un campo di concentramento
FIUMEDINISI - Non si avevano più notizie dal 1941 del soldato Antonino Nunziato Cassisi (nella foto), dato per disperso durante il massacro della Campagna di Russia. Adesso da quella lontanissima terra un indizio, un segno sugli ultimi giorni di vita di Cassisi. A distanza di 73 anni, l'arrivo della notizia in paese del ritrovamento in Russia di un frammento della sua piastrina che, seppur consumata dal tempo, ha ugualmente consentito di risalire al nome, luogo di nascita e residenza del soldato che l'indossava. A comunicare il ritrovamento della medaglietta, l'Associazione nazionale alpini con sede ad Abbiategrasso, che da anni è impegnata in questo tipo di ricerca. In una lettera indirizzata al sindaco di Fiumedinisi, Alessandro Rasconà, il rappresentante dell'Associazione, Antonio Respighi, spiega che la piastrina del soldato di Fiumedinisi è stata rinvenuta nella regione di Tambov, a sud-est di Mosca. ''A consegnarmela, assieme ad altre - scrive...

19/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Messina. Eseguita l'autopsia sul corpo dello studente trovato morto in casa, probabilmente è stato colto da malore

Nessun segno di violenza riscontrato. Il giovane 23enne era originario di Marsala

Messina. Eseguita l'autopsia sul corpo dello studente trovato morto in casa, probabilmente è stato colto da malore
MESSINA - E’ stata eseguita stamattina dal medico legale Elvira Spagnolo, l’autopsia sul corpo del 23enne studente universitario il cui cadavere è stato scoperto ieri mattina in un appartamento di via Caldara Polidoro, nei pressi dell’istituto Domenico Savio. L’esame, eseguito all’obitorio del Policlinico, è stato disposto dal sostituto procuratore Antonella Fradà per chiarire le cause del decesso. Sul cadavere non sono stati riscontrati segni di violenza e nell’appartamento era tutto in ordine. Il 23enne, originario di Marsala, iscritto alla facoltà di Economia, condivideva l’abitazione con alcuni colleghi che in questi giorni erano rientrati a casa per le festività pasquali. I genitori da 24 ore tentavano di telefonargli senza ricevere risposta. Ieri mattina hanno contattato il padrone di casa che è entrato nell’appartamento ed ha scoperto il cadavere disteso in bagno ed ha avvertito la...

19/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Alì Superiore. La mancata adesione all'Aro Valle del Nisi, la minoranza ''interroga'' il sindaco Fiumara

Alì Terme, Nizza e Fiumedinisi hanno già approvato il progetto

Alì Superiore. La mancata adesione all'Aro Valle del Nisi, la minoranza ''interroga'' il sindaco Fiumara
ALI' SUPERIORE - I «silenzi» del sindaco Pietro Fiumara e della sua Amministrazione sull'adesione all'Aro Valle Nisi sono diventati oggetto di un'interrogazione presentata dal gruppo ''Continuiamo Insieme per Alì''. I consiglieri Agata Raneri, Grazia Magazzù, Giusy Pantò e Cristina Interdonato hanno rilevato che la procedura dell'Aro, il cui progetto è stato già approvato dalla Regione, è ferma perché il Comune di Alì non ha ancora approvato la relativa convenzione con Nizza, Alì Terme e Fiumedinisi. «I Consigli comunali degli altri tre partner - spiega la minoranza - hanno già deliberato la costituzione dell'Aro, inspiegabilmente Alì è l'unico a non averlo ancora fatto. Per il progetto sono state impegnate risorse pubbliche e il rischio è che la comunità aliese si ritrovi definitivamente esclusa con un grave danno economico oltre che di inefficienza. La cosa ancora...

19/04/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

EDITORIALI

MATTEO RENZI? UN BERLUSCONI PIU' GIOVANE

Dieci giorni orsono Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si sono incontrati per discutere della nuova legge elettorale in quanto quella esistente fino a ieri ( il famoso porcellum) , come è noto, è stata inviata al macero dalla Corte Costituzionale perché non rispettosa dei diritti dei cittadini di scegliersi i loro deputati. Risultato ? Riporto le parole di RENZI: “ Con il Cavaliere ( Berlusconi) vi è una profonda sintonia, siamo d’accordo su tutto”. Su cosa sono d’accordo ? SUL FATTO CHE NON BISOGNA CAMBIARE PROPRIO NULA. Con il “ Porcellum” i deputati erano indicati dai segretari dei partiti politici, con la nuova legge è esattamente lo stesso: il segretario del partito decide chi farà il deputato e l’elettore,come per il passato, non può metterci bocca. Per intenderci: Berlusconi nomina coloro che gli garantiscono fedeltà e silenzio ed altrettanto fa RENZI.Naturalmente il criterio...

... di Redazione

Ultimi Commenti